LogoGCT Credito e finanziamenti
Banche


Tassi

a cura dell'Ufficio Economico

  Interessi legali
  Interessi per ritardato pagamento
  Tassi usurari
  Tasso di riferimento, ex tasso ufficiale di sconto 
  Euribor e Libor

 
INTERESSI LEGALI
(art. 1284 codice civile e successive modificazioni)
dal al interesse legale disposizione normativa
01/01/2017   0,1% D.M. 07/12/2016
01/01/2016 31/12/2016 0,2% D.M. 11/12/2015
01/01/2015 31/12/2015 0,5% D.M. 11/12/2014
01/01/2014 31/12/2014 1,0% D.M. 12/12/2013
01/01/2012 31/12/2013 2,5% D.M. 12/12/2011
01/01/2011 31/12/2011 1,5% D.M. 07/12/2010
01/01/2010 31/12/2010 1,0% D.M. 04/12/2009
01/01/2008 31/12/2009 3,0% D.M. 12/12/2007
01/01/2004 31/12/2007 2,5% D.M. 01/12/2003
01/01/2002 31/12/2003 3,0% D.M. 11/12/2001
01/01/2001 31/12/2001 3,5% D.M. 11/12/2000
01/01/1999 31/12/2000 2,5% D.M. 10/12/1998
01/01/1997 31/12/1998 5,0% L. 662/1996
16/12/1990 31/12/1996 10,0% L. 353/1990
  21/04/1942     15/12/1990   5,0%  


 
INTERESSI PER RITARDATO PAGAMENTO
SAGGIO DEGLI INTERESSI DA APPLICARE A FAVORE DEL CREDITORE
NEI CASI DI RITARDO NEI PAGAMENTI NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI

(DLGS 09/10/2002, n. 231: art. 5, comma 2; art. 2, comma 1, lett. e)
Saggio d'interesse del principale strumento di rifinanziamento
della Banca centrale europea maggiorato di 8 punti percentuali (7 punti fino al 2012) [*]
anno 1° semestre
1° gennaio - 30 giugno
2° semestre
1° luglio - 31 dicembre
2017 0 + 8 = 8,00%
GU 23/01/2017
0 + 8 = 8,00%
GU 24/07/2017
2016 0,05 + 8 = 8,05%
GU 25/01/2016
0 + 8 = 8,00%
GU 01/08/2016
2015 0,05 + 8 = 8,05%
GU 16/01/2015
0,05 + 8 = 8,05%
GU 22/07/2015
2014 0,25 + 8 = 8,25%
GU 03/03/2014
0,15 + 8 = 8,15%
GU 21/07/2014
2013 0,75 + 8 = 8,75%
GU 17/01/2013
0,50 + 8 = 8,50%
GU 17/07/2013
2012 1 + 7 = 8%
GU 27/01/2012
1 + 7 = 8%
GU 13/07/2012
2011 1 + 7 = 8%
GU 08/02/2011
1,25 + 7 = 8,25%
GU 18/07/2011
2010 1 + 7 = 8%
GU 18/02/2010
1 + 7 = 8%
GU 16/08/2010
2009 2,50 + 7 = 9,50%
GU 02/02/2009
1 + 7 = 8%
GU 28/08/2009
2008 4,20 + 7 = 11,20%
GU 11/02/2008
4,10 + 7 = 11,10%
GU 21/07/2008
2007 3,58 + 7 = 10,58%
GU 05/02/2007
4,07 + 7 = 11,07%
GU 30/07/2007
2006 2,25 + 7 = 9,25%
GU 13/01/2006
2,83 + 7 = 9,83%
GU 10/07/2006
2005 2,09 + 7 = 9,09%
GU 08/01/2005
2,05 + 7 = 9,05%
GU 28/07/2005
2004 2,02 + 7 = 9,02%
GU 15/01/2004
2,01 + 7 = 9,01%
GU 09/07/2004
2003 2,85 + 7 = 9,85%
GU 10/02/2003
2,10 + 7 = 9,10%
GU 12/07/2003
2002 ----------------- 3,35 + 7 = 10,35%
GU 10/02/2003
[*] Per le transazioni (contratti comunque denominati) concluse a partire dal 1° gennaio 2013, la maggiorazione è aumentata da 7 a 8 punti percentuali a seguito delle modifiche apportate al DLGS 231/2002 dal DLGS 192/2012 (di recepimento della direttiva Late Payments 2011/7/UE).

Si evidenzia che le nuove regole, facendo salva la facoltà nelle transazioni commerciali tra imprese di concordare un tasso di interesse diverso purché non risulti gravemente iniquo per il creditore, stabiliscono che è considerata iniqua, e quindi nulla, la clausola che escluda l'applicazione degli interessi di mora (nuovo articolo 7, comma 3, DLGS 231/2002).

La facoltà di concordare un tasso diverso da quello legale non è invece prevista dal DLGS 192/2012 per le transazioni commerciali in cui il debitore è una pubblica amministrazione. Pertanto, ai ritardi collegati a tali transazioni concluse a partire dal 1° gennaio 2013 si applicherà su base giornaliera il tasso degli interessi legali di mora.

Gli interessi legali di mora decorrono, senza che sia necessaria la costituzione in mora, dal giorno successivo alla scadenza del termine per il pagamento. Per maggiori indicazioni sui nuovi termini di pagamento nei rapporti tra imprese e tra PA e imprese, si rinvia all'articolo "Ritardati pagamenti: nuove regole dal 2013".


 
TASSI USURARI

La Banca d'Italia comunica i dati concernenti la rilevazione dei tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della legge sull'usura, per il periodo di applicazione 1° luglio - 30 settembre 2017, contenuti nel decreto del Ministero dell'Economia e delle finanze del 27 giugno 2017 (GU n. 151 del 30 giugno 2017).

Ai fini della determinazione degli interessi usurari, ai sensi dell'art. 2 della legge 108/1996 come modificato dal DL 70/2011, i tassi rilevati devono essere aumentati di un quarto cui si aggiunge un margine di ulteriori 4 punti percentuali; la differenza tra il limite e il tasso medio non puņ superare gli 8 punti percentuali.
 

categorie di operazioni classi di importo
in unità di euro
tassi globali medi
su base annua
tassi soglia
su base annua
Aperture di credito in conto corrente  fino a 5.00011,2918,1125
  oltre 5.000 9,0715,3375
Scoperti senza affidamento  fino a 1.50016,8624,8600
  oltre 1.50015,4523,3125
Anticipi, sconti commerciali e finanziamenti all'importazione  fino a 50.000 7,6013,5000
  da 50.000 a 200.000 5,4810,8500
  oltre 200.000 3,52 8,4000
Factoring  fino a 50.000 5,1210,4000
  oltre 50.000 2,88 7,6000
Crediti personali  10,3316,9125
Altri finanziamenti alle famiglie e alle imprese  10,5817,2250
Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione  fino a 15.00011,4518,3125
  oltre 15.000 9,3315,6625
Leasing autoveicoli e aeronavali  fino a 25.000 7,6513,5625
  oltre 25.000 6,7012,3750
Leasing immobiliare: a tasso fisso    4,06 9,0750
a tasso variabile   3,48 8,3500
Leasing strumentale  fino a 25.000 7,9813,9750
  oltre 25.000 4,24 9,3000
Credito finalizzato  10,0516,5625
Credito revolving  fino a 10.00016,3724,3700
  oltre 10.00012,0419,0500
Finanziamenti rateali con carte di credito  12,7519,9375
Mutui con garanzia ipotecaria: a tasso fisso    2,79 7,4875
a tasso variabile   2,43 7,0375


 
TASSO DI RIFERIMENTO
ex Tasso Ufficiale di Sconto (TUS) fino al 31/12/1998
determinato dalla Banca d'Italia fino al 31/12/2003
dal 2004 determinato dalla BCE - Banca Centrale Europea
dal al tasso di riferimento provvedimento BCE
16/03/2016 0,00% 10/03/2016
10/09/201415/03/20160,05% 04/09/2014
11/06/201409/09/20140,15% 05/06/2014
13/11/201310/06/20140,25% 07/11/2013
08/05/201312/11/20130,50% 02/05/2013
11/07/201207/05/20130,75% 05/07/2012
14/12/201110/07/20121,00% 08/12/2011
09/11/201113/12/20111,25% 03/11/2011
13/07/201108/11/20111,50% 07/07/2011
13/04/201112/07/20111,25% 07/04/2011
13/05/200912/04/20111,00% 07/05/2009
08/04/200912/05/20091,25% 02/04/2009
11/03/200907/04/20091,50% 05/03/2009
21/01/200910/03/20092,00% 15/01/2009
10/12/200820/01/20092,50% 04/12/2008
12/11/200809/12/20083,25% 06/11/2008
15/10/200811/11/20083,75% 08/10/2008
09/07/200814/10/20084,25% 03/07/2008
13/06/200708/07/20084,00% 06/06/2007
14/03/200712/06/20073,75% 08/03/2007
13/12/200613/03/20073,50% 07/12/2006
11/10/200612/12/20063,25%05/10/2006
09/08/200610/10/20063,00%03/08/2006
15/06/200608/08/20062,75%08/06/2006
08/03/200614/06/20062,50%02/03/2006
06/12/200507/03/20062,25%01/12/2005
dalal  tasso di riferimento  provvedimento Banca d'Italia
09/06/200305/12/20052,00%06/06/2003 in GU n. 131 del 09/06/2003
12/03/200308/06/20032,50%07/03/2003 in GU n. 59 del 12/03/2003
11/12/200211/03/20032,75%06/12/2002 in GU n. 290 del 11/12/2002
14/11/200110/12/20023,25%09/11/2001 in GU n. 265 del 14/11/2001
19/09/200113/11/20013,75%17/09/2001 in GU n. 217 del 18/09/2001
05/09/200118/09/20014,25%30/08/2001 in GU n. 204 del 03/09/2001
15/05/200104/09/20014,50%10/05/2001 in GU n. 111 del 15/05/2001
11/10/200014/05/20014,75%06/10/2000 in GU n. 237 del 10/10/2000
06/09/200010/10/20004,50%01/09/2000 in GU n. 207 del 05/09/2000
15/06/200005/09/20004,25%10/06/2000 in GU n. 137 del 14/06/2000
04/05/200014/06/20003,75%28/04/2000 in GU n. 101 del 03/05/2000
22/03/200003/05/20003,50%18/03/2000 in GU n. 67 del 21/03/2000
09/02/200021/03/20003,25%04/02/2000 in GU n. 31 del 08/02/2000
10/11/199908/02/20003,00%06/11/1999 in GU n. 264 del 10/11/1999
14/04/199909/11/19992,50%12/04/1999 in GU n. 86 del 14/04/1999
  28/12/1998    13/04/1999  3,00%  23/12/1998 in GU n. 300 del 24/12/1998  



  torna al sommario   sommario