UFFICIO SERVIZI INFORMATIVI >
  TELECOMUNICAZIONI: OSSERVATORIO DEL SETTORE
   Tim - Telecom Italia: le condizioni per l'utenza affari
   Preselezione di operatore e portabilità del numero
   Enti e istituzioni del settore delle telecomunicazioni
   Gestori di telecomunicazioni in convenzione con l'Unione  
   Piano di numerazione nazionale
   L'attività di regolamentazione

 

  Tim - Telecom Italia: le condizioni per l'utenza affari

Dal 1° maggio 2017 nuove condizioni per il canone delle linee telefoniche: l'abbonamento per l'accesso base ISDN è passato da 34,90 euro mensili a 39,90 euro ogni 28 giorni.

Per quanto riguarda il traffico nazionale, l'ultima modifica al quadro tariffario risale al 1° maggio 2015:

I prezzi in vigore dal maggio 2015 comportano un aumento per le chiamate di durata fino a 4 minuti:

Grafico costi Telecom

Segnaliamo, inoltre, la Carta dei Servizi e le Condizioni Generali di Abbonamento; tali documenti stabiliscono - tra l'altro - gli indennizzi dovuti da Tim - Telecom Italia ai propri clienti in caso di ritardo nell'attivazione dei servizi.


Tim - Tutte le comunicazioni nazionali (fisso-fisso e fisso-mobile)
Importo iniziale Prezzo per minuto di conversazione
da 01/07/2014
0,10
0,10
da 01/05/2015
0,30
0,05
Importi in euro - Iva 22% esclusa


Tim - Comunicazioni internazionali: condizioni dal 1° aprile 2016
Prezzi standard chiamate internazionali
zone fino a 31/03/2016 da 01/04/2016
importo
alla risposta
prezzo al minuto importo
alla risposta
prezzo al minuto
verso fisso e mobile
verso fisso verso mobile
zona 1 0,2582 0,1510 0,3360 0,35 0,35
zona 2 0,3000 0,4167 0,50
zona 3 0,4167 0,5417 0,60
zona 4 0,7083 0,8333 0,90
zona 5 0,8263 0,9585 1,20
zona 6 1,4084 1,4917 1,80
zona 7 2,6352 3,0000 3,60
Importi in euro - Iva 22% esclusa



Preselezione di operatore e portabilità del numero

La liberalizzazione del mercato comporta anche l'operativitÓ della "preselezione di operatore" e della "portabilità del numero".

La "preselezione di operatore" (cps - carrier preselection, regolamentata dall'Autorità Garante con delibera n. 4/00) consente agli utenti di rete fissa di effettuare chiamate tramite un gestore alternativo a Tim - Telecom Italia senza comporre il suo codice identificativo.

Con la carrier preselection l'utente può scegliere tra due diversi profili, chiedendo di attivare la preselezione per le sole chiamate interurbane, internazionali e verso cellulari, oppure per la globalità del proprio traffico telefonico (chiamate locali, interdistrettuali, interurbane, internazionali e verso cellulari). Anche nel caso in cui viene attivata la carrier preselection, per l'utente è comunque possibile utilizzare un diverso gestore semplicemente componendo il suo codice identificativo.

La cosiddetta "portabilità del numero" è invece la possibilità per l'utente di mantenere lo stesso numero telefonico anche cambiando il gestore di telecomunicazioni; la portabilità del numero - già da tempo prevista per gli utenti di rete fissa - dall'aprile del 2002 si è avviata anche per la telefonia mobile.



Enti e istituzioni



Gestori di telecomunicazioni in convenzione con l'Unione

Con i principali operatori del settore della telefonia, Confindustria ha concluso convenzioni per il risparmio dei costi telefonici in favore delle Aziende del sistema: anche le Aziende associate all'Unione, di conseguenza, possono avvalersi di formulazioni contrattuali agevolate. Per i dettagli rinviamo alla pagina illustrativa delle convenzioni in vigore.



Piano di numerazione nazionale

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni predispone e aggiorna il piano di numerazione nazionale per le telecomunicazioni - cioè lo strumento tecnico in base al quale sono definiti i numeri telefonici di tutti gli utenti italiani - secondo il principio-base dei "prefissi per servizi", per cui la prima cifra di ogni numero telefonico è indicativa del tipo di comunicazione (telefonia mobile, telefonia fissa, servizi speciali, ecc.).

Piano di numerazione per servizi
 Prima cifra  Servizio
0 numerazione geografica
1 numerazione per servizi specifici, numerazione breve e per servizi armonizzati europei a valenza sociale
2 riservato per esigenze future
3 numerazioni e codici per servizi di comunicazioni mobili e personali
4 numerazione per servizi interni di rete e servizi tramite SMS/MMS e trasmissione dati
5 numerazioni per servizi di comunicazione telefonica nomadici
6 riservato per esigenze future
7 numerazione per servizi di accesso a Internet e codici per servizi di comunicazioni mobili e personali
8 numerazione per servizi con addebito al chiamato, per servizi con addebito ripartito e per servizi a sovrapprezzo
9 riservato per esigenze future
Ultimo aggiornamento:
delibera 52/12/CIR del 3 maggio 2012


 


L'attività di regolamentazione

Il processo di liberalizzazione del settore è accompagnato dall'attività di regolamentazione, prevalentemente da parte dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (www.agcom.it); riepiloghiamo i provvedimenti di maggiore interesse, soprattutto per quanto riguarda i diritti degli utenti.

GCT